Scopriamo cosa è il Bitcoin, la moneta virtuale che sta superando tutti i record e vale più dell’oro.

Ma è solo un fuoco di paglia?

Più volte avete sentito parlare del Bitcoin. Spesso e volentieri in articoli di sicurezza informatica, poiché sono uno dei metodi di pagamento più richiesti da cyber criminali e da sviluppatori di ransomware. Se non avete capito in maniera chiara di cosa si tratta vi spieghiamo cosa sono e perchè valgono più dell’oro.

I Bitcoin nascono come cryptovaluta nel 2009. Il suo sconosciuto inventore è noto al mondo con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Si tratta in pratica di una moneta virtuale, con la quale però ci approcciamo nella vita reale. Non ci sono organizzazioni, istituti o banche che li controllano. Questo sistema rende molto variabile il valore reale del mondo delle cryptovalute, anche se la valuta virtuale segue gli standard di crescita e di ribasso simili alle monete reali. Negli ultimi tempi, però, il Bitcoin ha fatto registrare risultati molto incoraggianti, tanto che alcuni economisti stanno iniziando a considerare i Bitcoin “la valuta del futuro”.

Come funzionano?

 

Chiunque può coniarlo ma esiste un tetto massimo di monete coniabili, 21 milioni, secondo diversi calcoli dovrebbe essere raggiunta nel 2140. la creazione è lo scambio di questa moneta avviene secondo il protocollo peer-to-peer. Questa moneta garantisce l’anonimato anche se ogni bitcoin ha un intestatario in modo da poter essere utilizzata una sola volta. Ogni moneta può avere un indirizzo diverso, caratterizzato da 34 caratteri alfanumerici, la privacy è garantita dal fatto che è il possessore a decidere se rivelarsi o meno durante la transazione.

Mining

Minare Bitcoin o altre cryptovalute è abbastanza complicato. L’operazione si definisce mining. Un tempo era libero ora si può fare solo se si è in possesso di un hardware specializzato in estrazione. Generalmente se si appartiene a una rete specializzata nella creazione (Poll), Il procedimento richiede, un’altissima potenza di calcolo. In questo modo si vanno a decriptare gli algoritmi alla base dei Bitcoin o della cryptovaluta scelta. Ovviamente è anche possibile comprarli scambiandoli con moneta Fiat, in Rete o in sportelli fisici.

Il futuro cosa ci aspetta…

Per molti questa è la moneta del futuro, per altri i Bitcoin non hanno molto avvenire in quanto non sono facilmente regolarizzabili. Non a caso negli ultimi tempi il valore delle cryptomonete ha subito un’impennata. Da gennaio 2015 ad oggi il loro valore è passato da poco meno di 280 dollari a oltre 17,000 dollari toccati a dicembre 2017 . Il motivo può essere legato agli scenari geopolitici,

  • la Brexit ad esempio e la grande incertezza sul futuro dell’Unione Europea sono scenari che aumentano il potenziale valore della cryptovaluta per eccellenza.
  • Se Cina iniziasse ad accettare i Bitcoin come alternativa al dollaro statunitense il valore di questa moneta virtuale schizzerebbe in alto, previsione non troppo utopica visto che la maggior parte degli scambi di Bitcoin avviene proprio in Oriente. Il governo cinese, inoltre, dopo aver messo dei limiti ai Bitcoin per evitare la speculazione non ha più ostacolato questa moneta virtuale.
  • R. Newton, ex responsabile di JP Morgan, ha previsto una rottura imminente del progetto euro e per lui i Bitcoin andranno a colmare il vuoto lasciato dall’abbandono della moneta unica negli stati europei.

Bitcoin, il nuovo oro

Molti investitori stanno abbandonando l’oro per puntare tutto sulla moneta virtuale, a sottolineare appunto la crescita dei Bitcoin. Questa è più semplice e comoda ed essendo digitale è più facile da scambiare. Non è una novità che i Bitcoin supera il valore dell’oro negli scambi. Gli esperti in coro sono sicuri che il valore dei Bitcoin nei prossimi mesi aumenterà ancora.

Iscriviti per ricevere i nostri servizi gratuiti

Per comparare al meglio i broker regolamentati potete consultare anche il sito,nostro partner  www.ifinance360.it/

vai alla home

vai al blog

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>